GIANLUCA SGHERRI

Mostra personale dell’artista toscano

3 Dicembre 2009 – 23 Gennaio 2010

Curatore: Marco Cingolani

Sgherri ha sempre dipinto pochi quadri, intensi e ineccepibili, dove il tempo lento dell’esecuzione è sempre stato un valore, teso alla meditazione sulla forma e sulla qualità della materia pittorica. In questa mostra l’artista ha selezionato il meglio della produzione degli ultimi due anni, passati nello studio alla ricerca della perfezione delle forme.

Nelle nuove opere la pittura si è fatta più liquida, creando sovrapposizioni continue di campiture leggere che mutano i toni e dilatano gli spazi: si scontrano e si amalgamano.

La superficie è attraversato da linee longitudinali che si ingrossano e si restringono, attraversando campiture di colori solidi e sfumati ai bordi.

Al microscopio maggiore è l’ingrandimento, minore è la riconoscibilità dell’oggetto osservato, ed anche il sasso più anonimo diventa un intrico di linee e di superfici dai toni diversi. Gli ultimi quadri di Gianluca Sgherri parlano di questa possibilità formale di ogni oggetto, ogni piccola o grande cosa, di essere nel suo fondamento un intrico astratto e cangiante.

Nelle trenta opere, di piccolo e medio formato, le linee, gli spazi e i colori, creano un mondo lirico ed astratto che cattura lo spettatore, seducendolo e costringendolo a meditare sui valori interni ed eterni della pittura d’avanguardia.