EDOARDO FRANCESCHINI / Magie del colore

Artista: Edoardo Franceschini, Titolo: Magie del colore, A cura di: Claudio Cerritelli

12 Aprile – 30 Giugno 2007

Mostra dedicata alla ricerca pittorica di Edoardo Franceschini (Catania 1928 – Milano 2006), tra i più sensibili interpreti della linea lirico-gestuale della pittura italiana del secondo Novecento.

Saranno presentate circa 30 opere (chine, acquarelli, tempere, tecniche miste su carta, acrilici su tela) che testimoniano il percorso dell’artista dalla seconda metà degli anni Cinquanta fino al 2004. Sono ripercorse tutte le fasi della sua ricerca cromatica che oscilla da un’interpretazione lirica dell’immagine astratta all’invenzione di una spazialità dinamica dove la pittura evoca mutevoli vibrazioni sonore, magie del colore.

Dopo un periodo di formazione tra Catania e Firenze, Franceschini si stabilisce nel 1956 a Milano, sua città d’adozione, partecipando a mostre personali e collettive che lo portano a distinguersi come uno degli esponenti più originali della giovane pittura italiana. Nel 1964 è invitato alla XXXII Biennale di Venezia e successivamente ad altre significative rassegne in Italia e all’estero. Compie frequenti viaggi in Oriente e trascorre alcuni anni a Parigi manifestando sempre un profondo interesse per le connessioni tra pittura, teatro, musica e letteratura.

La sua pittura è un viaggio ininterrotto dentro le grafie impulsive e le esplosioni cromatiche che captano momenti magici, attimi irripetibili, ritmi fantastici che portano lo sguardo altrove.

In tal senso l’arte di Franceschini esprime uno, stile inconfondibile, una scrittura pittorica basata su alcuni caratteri persistenti (il segno ritmico, la traccia veloce, il dripping controllato, il suono squillante), qualità pittoriche costanti in ogni momento della sua lunga avventura creativa.