GABRIELLA BENEDINI / Memorie del vento

Artista: Gabriella Benedini, Titolo: Memorie del vento

25 Novembre 2004 – 22 Gennaio 2005

Opere selezionate tra quelle presentate in occasione del progetto La Marrana arteambientale di Montemarcello, nella Fortezza Firmafede di Sarzana e presso l’Arsenale Militare e il Conservatorio di Musica G. Puccini della Spezia.

“Memorie del vento” è una suggestione che deriva dalle tre grandi “vele” esposte all’ingresso della Galleria ed è un tema che percorre un po’ tutta la produzione dell’artista di origini cremonesi.

1-gabriele-benedini-vele-polimaterico-230x50-240x60-220x60cm

L’utilizzo di relitti del  mondo reale (come, ad esempio, le vecchie barche sfondate e abbandonate) e una rilettura di essi o di alcune loro parti entro una poetica che cerca anche una risonanza musicale, costituisce la base di un’indagine delle cose, che attribuisce ad esse una vita del tutto nuova che si risolve in un’immagine senza tempo, non più ancorata né all’oggetto di origine né alla sua memoria pura e semplice. Diventa allora una “memoria del vento”, frase che matura nella commistione di parole diverse e riassume un’eco lontana e una voce che sgorga dalla profondità dell’animo, un qualcosa di già espresso e conosciuto assieme a sollecitazioni nuove e sorprendenti.

L’opera di Benedini è tutto questo. E, se vogliamo collocarla nella logica della tradizione, potremmo dire che è nello stesso tempo scultura e pittura: scultura perché saggia appieno lo spazio, pittura perché la “veste” di queste forme che provano la terza dimensione, fatta di colore, di segno e di scrittura, elementi fondamentali, fin dall’antichità dell’espressione dell’uomo.